Tutto quello che cerco ogni giorno  è descritto nella foto qui sopra. Un ordine nascosto,  nell'apparente disordine di una cascata d'acqua. La natura ci sorprende così, con una manifestazione  semplice e antica allo stesso tempo. Ho sempre avuto una spiccata  predilezione per tutto quello che esprime armonia e bellezza. Nell'osservare l'espressione della bellezza, sia essa contenuta in un suono, in un oggetto o in un'azione,  ho sempre tratto piacere.  Mi ritengo un'uomo fortunato perchè ogni giorno con il mio lavoro  mi confronto con  Dio attraverso la sua manifestazione terrena che è la natura

  La natura                                                                                                                                                 

                                                                                                                                                                      La forma

La danzatrice Martha Graham   nella foto interpreta il concetto della forma durante una sua performance teatrale. Interviene  modificando la posizione del corpo all'interno di un vestito  elastico  sulla percezione della forma da parte dello spettatore. Lavora costruendo delle nuove forme dinamiche interpretando il concetto di tensione visiva. Essa stessa diventa una forma. La forma per l'uomo è un concetto importantissimo  tanto che agli inizi del 1900 viene fondata una corrente psicologica (Gestalt)  che si occupa specificatamente della percezione della stessa forma ad opera del cervello umano.   La parola tedesca Gestalt significa infatti forma/rappresentazione.

  L'equilibrio

L'equilibrio è parte  essenziale  di una forma.  Ogni insieme forma è costituito di  varie sotto forme  tra loro relazionate a formare l'oggetto finale della rappresentazione visiva.  Lo spostamento o la prevalenza di una di queste  parti  può comportare  uno squilibrio  visivo  che rende l'oggetto sgradevole ai nostri occhi.  Questo concetto è stato mirabilmente riassunto in una celebre frase di  Rudolf Arnheim: "Il particolare è parte del tutto e tutto esso stesso".

 

                                                                                                                                                                Il particolare

Il particolare è parte integrante di ogni manufatto. Apparentemente insignificante e a volte inosservato ogni oggetto è invece un insieme di piccoli perfetti particolari.  La bellezza infatti, è riscontrabile in un gesto semplice  ed  elementare: nell'antica arte della calligrafia giapponese dove un semplice piccolo gesto   diventa una forma di espressione artistica.

Ho un ricordo molto nitido  e chiaro del  momento in cui le mie modellazioni diventarono tridimensionali.    Lo ricordo perchè per me fu una soddisfazione pari a quella, e non esagero, di un cieco che tornava a vedere.  Finalmente ci vedo, mi dissi, finalmente avevo capito cosa significava ombra e anche come avrei potuto gestirla per dare sempre maggiore vitalità ad un oggetto solido tridimensionale. Per far questo ho lavorato molto su modelli  dimostrativi appositamente realizzati. Sono fermamente convinto che la conquista del volume e  della tridimensionalità passano attraverso l'esercizio  ed il lavoro  sul dente dimostrativo. Un lavoro impegnativo  su cui vale la pena investire del tempo perchè è un lavoro che poi torna per tutta la vita.   

L'esercizio                                                                                                                                                

1998 - Esercizio di stratificazione di dente completo di radice.

                                                                                                                                                                                   Il materiale 

 Restauro  13-12-11-21-22-23  Composito  (dic/ 2004)                  

                    Restauro  13-12-11-21-22-23  Ceramica (giu/2012)    

Il l materiale è il mezzo, non il fine del nostro lavoro. 

I casi clinici mostrati nelle foto  sopra sono stati eseguiti per due pazienti diverse  a distanza di molti anni  l'uno dall'altro. Per la loro realizzazione sono stati utilizzati  due materiali differenti, il composito e la ceramica. Nonostante le diversità, un  filo conduttore  unisce questi  due manufatti, la passione  e la cura dei particolari con cui sono stai eseguiti.  Questo ci porta concettualmente  ben aldilà  delle tecniche, dei materiali e delle filosofie adottate  per la loro realizzazione. Ho infatti sempre creduto che  l'uomo, le sue mani, la sua mente fossero l'elemento distintivo che potesse fare la differenza.